La giustizia dei vincitori. Da Norimberga a Baghdad - download pdf or read online

By Danilo Zolo

ISBN-10: 8842080160

ISBN-13: 9788842080169

Show description

Read Online or Download La giustizia dei vincitori. Da Norimberga a Baghdad PDF

Best italian_1 books

Dissent and philosophy in the Middle Ages : Dante and his by Dante Alighieri, 1265-1321; Fortin, Ernest L.; Dante PDF

Dissent and Philosophy within the center a while deals students of Dante's Divine Comedy an vital realizing of the political, philosophical, and spiritual context of the medieval masterwork. First penned in French via Ernest L. Fortin, considered one of America's premiere thinkers within the fields of philosophy and theology, Dissidence et philosophie au moyen-%ge brings to gentle the complexity of Dante's concept and artwork, and its relation to the primary topics of Western civilization.

Read e-book online Dante. Storia di un visionario PDF

Italian variation - "In Italia Garibaldi e Dante hanno sempre ragione: di loro non si può parlar mai male; e almeno consistent with il primo dei due, ciò è passato in proverbio. Neppure noi qui parleremo male di Dante. Non accrediteremo in line withò su di lui pie leggende: ciò è dovuto alla verità e alla storia". Il Dante di Corni, che tiene conto di una eccezionale mole di fonti, scioglie miti consolidati da secoli di tradizione.

Additional info for La giustizia dei vincitori. Da Norimberga a Baghdad

Example text

C’è una giustizia su misura per le grandi potenze e le loro autorità politiche e militari: esse godono di un’assoluta impunità sia per i crimini di guerra sia, e soprattutto, per le guerre di aggressione di cui in questi anni si sono rese responsabili, mascherandole come guerre umanitarie per la protezione dei diritti umani o come guerre preventive contro il «terrorismo globale». Dal 1946 ad oggi non è mai stato celebrato un solo processo, né a livello nazionale, né a livello internazionale, per crimini di aggressione.

La volontà di potere di Stati Uniti, Gran Bretagna e Unione Sovietica si sovrappose alla sovranità di tutti gli altri Stati e ignorò ogni riferimento ai popoli, alle nazioni, ai gruppi etnici politicamente non rappresentati. Il Consiglio di sicurezza concentra in sé la totalità dei poteri decisionali delle Nazioni Unite e non è, a differenza del Consiglio della Società delle Nazioni, un organo puramente deliberativo. Un intero capitolo della Carta, il settimo, è dedicato a specificare i poteri di organizzazione e di direzione militare che spettano a quest’organo quando abbia deliberato un’azione coercitiva internazionale30.

Come ha scritto Alessandro Colombo, in una condizione storica come la presente, nella quale la distribuzione del potere e della ricchezza è la più diseguale possibile, anche i principi fondamentali che hanno per secoli regolato la società internazionale – la sovranità degli Stati, la loro eguaglianza giuridica, la non-ingerenza nella giurisdizione interna, la regolazione della guerra – tendono a cadere nelle mani dei più forti19. Lasciando sullo sfondo questo scenario turbolento e allarmante, cercherò piuttosto di interrogarmi – restando il più possibile sul terreno normativo e istituzionale – su un punto centrale.

Download PDF sample

La giustizia dei vincitori. Da Norimberga a Baghdad by Danilo Zolo


by David
4.1

Rated 4.85 of 5 – based on 21 votes